Stefania

«Mi chiamo Stefania, ho 18 anni, frequento il quarto anno di un istituto socio – sanitario.


Ascolto musica, come tutti i giovani. Mi piacciono tutti i generi: musica americana, spagnola, rap, metal, ecc. La cosa che amo più fare è stare con mia nonna, perché è l’unica persona con cui riesco ad essere me stessa. Fin da quando ero piccola mi ha dato la forza di affrontare situazioni difficili con i compagni, a volte di vero e proprio bullismo, ma non solo, con la sola sua presenza e con le sue perle di saggezza mi rassicura anche quando devo affrontare una verifica o un’interrogazione. È lei che mi ha accudito e accompagnato nella crescita quando ero piccola, mentre adesso sono io ad accudire lei. Si sono invertiti i ruoli. Una delle mie paure è tornare da scuola e non rivederla più, perché in questo momento è molto malata.


Amo lo spagnolo, nonostante che nei miei primi anni di studio di questa lingua ho ricevuto diverse delusioni e brutti voti. In realtà ho scoperto di saperlo parlare quando mi sono trovata a dialogare con bambini spagnoli che mi hanno fatto i complimenti. Anche i miei genitori si erano stupiti di me. Da allora mi sono innamorata di questa lingua e di tutto ciò che ha a che fare con la Spagna. Prima o poi vorrei andare in Spagna, ma non solo, vorrei girare anche il mondo, perché è fatto per essere scoperto.


Già da quando facevo le elementari mi sentivo isolata dagli altri, però non ho mai dato grosso peso a questo, un po’ perché ero piccola, un po’ perché le maestre erano presenti e attente a me. Alle medie invece ho vissuto un periodo di inferno, perché i miei compagni mi evitavano e avevano comportamenti molto pesanti nei miei confronti. Una volta mi hanno accusato di aver azionato l’allarme antincendio, quando non l’avevo fatto io. Sentivo contro di me anche gli insegnanti, forse perché ero quella più tranquilla, che non reagiva a nulla, però è un punto di domanda anche per me il motivo per cui io non piacessi. Grazie all’incoraggiamento dei miei genitori, di mia nonna e soprattutto di mio fratello, che ha 12 anni più di me, ho imparato a resistere a tutta questa noncuranza ed anche ai comportamenti violenti dei compagni.


Nei primi di scuola superiore ho cominciato ad avere i primi amici, anche se poi si sono rivelati non così “amici”.


Ho conosciuto ASAI attraverso Ketlyn, una mia compagna di classe che la frequenta fin da quando è piccola. Mi ha proposto di venire qui per recuperare ore di alternanza scuola-lavoro, facendo animazione durante l’estate e nei soggiorni estivi per bambini.


Inizialmente ero agitata, non conoscevo nessuno, chiedevo alla mia amica di venire sempre con me, di starmi sempre accanto. Una volta entrata nel giro, mi è sembrato di essere stata lì da sempre. Mi sento bene in ASAI. Ho trovato degli amici con cui mi scrivo e mi vedo, forse di più che con i miei compagni. Ho vinto anche la paura iniziale di avviare delle nuove relazioni di amicizia.


Nell’animazione la mia difficoltà è nello spiegare i giochi, perché vado in ansia e quando sono in ansia mi tremano le labbra. Così, le prime volte chiedevo a Luiz, il coordinatore, di dirmi con molto anticipo se toccava a me spiegare un gioco, così mi preparavo psicologicamente.


Alcuni bambini hanno paura di essere inferiori nel confronto con gli altri. Ad esempio, durante un’attività estiva di inglese un bambino cinese, che già parlava poco l’italiano, non osava pronunciare delle parole inglesi che conosceva, per il timore di essere preso in giro o sminuito da una bambina del gruppo, che era di madrelingua inglese.


La cosa più bella e sorprendente è vedere come i bambini si affezionino a me. Qualcuno mi ha detto che ho dei poteri magici che attraggono i bambini. Vogliono sempre stare con me, anche quando facciamo le uscite e dobbiamo organizzarci in file. Utilizzo questa capacità di “attrazione” per agganciarli, farli giocare insieme tra loro, fino a permettermi di “scomparire" poco per volta. Altri invece fanno fatica a stare dentro le attività e i giochi organizzati e fanno di tutto per non farsi coinvolgere.»