Hemilly

«Mi chiamo Hemilly, ho 17 anni, sono brasiliana e vivo da due anni a Torino. Sono al primo anno di un istituto per Operatore socio-sanitario. Ho due passioni: la boxe e la danza. Mi piacciono i balli movimentati tipo funk e reggaeton.


Io mi sento molto fragile, ogni cosa mi fa piangere, forse perché quando ero in Brasile i miei compagni mi prendevano sempre in giro o forse per la mia storia personale. Vorrei essere diversa perché gli altri approfittano di più delle persone sensibili. Una persona che appare dura e forte viene rispettata maggiormente. Oggi credo di aver trovato una via di mezzo tra i due modi di essere, grazie alle esperienze che ho vissuto. Alle persone che si sentono fragili, dico di non aver paura dei presunti forti, perché alla fine così forti non sono. Siamo più forti noi che abbiamo imparato a convivere tutti i giorni con le nostre fragilità.»